Capire la certificazione energetica

Che cos'è l'APE ? e l'IPE ?

Oggi vogliamo rispondere ad una domanda che molti spesso si pongono:

Che cos’è l’APE ? Cos’è invece l’IPE ? Cosa significa e a cosa serve la certificazione energetica?

APE è un acronimo e sta per Attestato di Prestazione Energetica.

L’IPE invece è un altro acronimo che sta per Indice di Prestazione Energetica.

A cosa serve l’APE ? E l’IPE?

Se letti assieme, APE e IPE ci dicono molto sul comportamento di una casa. Stiamo parlando di un documento (APE), che ci racconta le caratteristiche energetiche di un immobile.

L’APE è un vero e proprio strumento di controllo che sintetizza con una lettera da A a G le prestazioni energetiche di un edificio. 

La lettera A indica le prestazioni energetiche migliori che una casa può avere, le lettere successive, B, C e così via fino alla G sono invece indice di prestazioni inferiori.

Le classi dell'APE vanno dalla A, la migliore, alla G, la peggiore

Ma cosa sono le prestazioni energetiche di una casa?

Capire le prestazioni energetiche è molto semplice, una casa con alte prestazioni energetiche (classe A, per esempio) avrà bisogno di meno energia ogni anno per essere riscaldata ad un livello che garantisca il comfort dei suoi abitanti.

Al contrario, una casa con basse prestazioni energetiche (classe F o G) avrà bisogno di più energia su base annua per essere riscaldata.

Quando si compra o quando si vende una casa è utile, oltre che obbligatorio, produrre un Attestato di Prestazione Energetica per informare sul consumo energetico dell’immobile e aumentare così di conseguenza il valore degli edifici ad alto risparmio energetico.

Oltre a questo Attestato APE, abbiamo però il valore dell’Indice di Prestazione Energetica (IPE), che ci da un’informazione aggiuntiva molto importante, ovvero il numero che indica quanti KWH (Kilowattora) per metro quadro ogni anno dovremo spendere per riscaldare l’immobile (durante i mesi invernali) e rinfrescarlo (durante i mesi estivi) ad un livello di benessere adatto all’abitazione.

Questo indice si ottiene attraverso un rapporto tra consumi e superficie dell’immobile, l’energia totale consumata per metro quadro ogni anno ci dà informazioni molto precise circa la quantità di energia necessaria per riscaldare o raffreddare un edificio che spesso dipende dalla sua struttura, dall’isolamento e dagli impianti di cui facciamo uso.

Solo grazie all’IPE possiamo confrontare le performance di immobili che si trovano nella stessa classe energetica sancita dall’APE, ad esempio possiamo confrontare le performance di due immobili di classe A, oppure calcolare quali interventi sarebbe necessario fare per portare una casa in classe G nella classe F o E.

Come si calcola l’IPE

Per calcolare l’IPE è necessario sommare altri indici specifici:

– indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale EPi
– indice di prestazione energetica per la produzione dell’acqua calda sanitaria EPacs
– indice di prestazione energetica per la climatizzazione estiva Epe
– indice di prestazione energetica per l’illuminazione artificiale Epill

Dal risultato ottenuto combinando questi indici emergono quindi le caratteristiche energetiche dell’edificio.

Nello specifico a un basso indice IPE corrisponde un’elevata efficienza energetica e viceversa.

 

Clicca per conoscere l’IPE di questa casa

Contattaci ora!

Questa splendida casa potrebbe diventare la tua...